Carissimi fratelli e sorelle della Collaborazione Pastorale, un saluto carico di affetto da parte di tutti noi sacerdoti, suore, cooperatrici pastorali.

Stiamo attraversando questa situazione particolare che desta in noi molte preoccupazioni, sollecita domande e ci interpella a quella responsabilità che si fonda sulla speranza che nasce dalla fede che il Signore abbia in mano le sorti del mondo.
Vi scriviamo per informarvi sulle iniziative che stiamo prendendo nelle varie parrocchie per rendere possibile il ritorno alle celebrazioni con la partecipazione del popolo concordata tra la Conferenza episcopale Italiana ed il Governo a partire dal 18 Maggio pv.
Abbiamo di recente ricevuto la traduzione che di queste indicazioni ha fatto la nostra Diocesi attraverso le Disposizioni inviateci dal nostro Vescovo Michele. Vi riportiamo alcune riflessioni previe che il Vescovo Michele premette alle considerazioni più squisitamente pratiche:

“La responsabilità per il bene comune ci impone di rispettare indicazioni di natura sanitaria che richiedono alle parrocchie uno sforzo organizzativo non indifferente. La assumiamo in piena disponibilità, consapevoli del valore morale di questa obbligazione, assunta a servizio della salute di tutti i cittadini e del bene complessivo di tutta la comunità”.

Poi, più avanti prosegue dicendo:

“…ogni indicazione pratico-organizzativa trova il suo contesto nella volontà di riprendere a celebrare insieme nella gioia, e contemporaneamente nel farlo in questo nostro presente con responsabilità, virtù richiesta alla comunità e a ciascuno. Molta di questa responsabilità viene richiesta ai parroci. Essi potranno assumerla soltanto se non saranno soli a portarne il peso, se tutta la comunità saprà farsene carico, con le ministerialità richieste per la celebrazione… Sarà necessaria anche la partecipazione responsabile, attiva, paziente e premurosa di tutti i fedeli, sia che partecipino alla celebrazione comunitaria, sia che – per vari motivi – debbano rimandarne l’appuntamento, o vivere in forma differente ma non meno valida la propria vocazione battesimale e la propria partecipazione alla vita del popolo di Dio. Troviamo insieme i modi affinché nessuno si senta escluso, perchè ciascuno possa sentirsi a casa”.

Vengono richiamati in queste premesse alcuni atteggiamenti indispensabili per affrontare assieme ed in comunione questa nuova fase, nuova non solo nel senso che segue semplicemente quella precedente di distanziamento, ma nuova anche perchè potrà dare vita ad un modo rinnovato di stare assieme e di celebrare, corroborando e rafforzando quello spirito di responsabilità e collaborazione che già ci caratterizza.

Una prima sottolineatura che vogliamo sottoporre alla vostra attenzione è quella della gradualità con cui intendiamo iniziare questa nuova fase, quella gradualità indispensabile e darci il tempo di mettere in atto tutte le precauzioni necessarie a poter celebrare assicurando la massima attenzione a non diffondere il contagio. Questa gradualità dovrà essere accompagnata da un atteggiamento di pazienza e comprensione da parte di tutti, nonché di fattiva collaborazione perchè possiamo fare in modo – come diceva il nostro Vescovo Michele – che “nessuno si senta escluso…e ciascuno possa sentirsi a casa”.

Questa gradualità di fatto si concretizza nella scelta di iniziare con un numero ridotto di messe, nella scelta mista dei luoghi di celebrazione (interno con un max di 200 persone – di 1 4 esterno con un max di 1.000 persone), nella scelta – operata di comune accordo – di iniziare le messe feriali solo a partire da lunedì 25 Maggio pv e solo in alcune chiese della nostra Collaborazione. Ribadiamo che questa prudenza iniziale vuole essere garanzia di “fare bene ogni cosa”, nella speranza di aumentare le possibilità di incontro e di celebrazione in futuro, possibilità che potrà realizzarsi nella maniera in cui ci saranno persone delle comunità disponibili ad aiutare per tutti i servizi di accoglienza, accompagnamento, igienizzazione richiesti per ogni celebrazione.

Vi forniamo di seguito l’elenco delle celebrazioni per ogni singola parrocchia della nostra Collaborazione e il numero massimo consentito dalle regole di distanziamento per ogni chiesa parrocchiale, ricordando alle famiglie che possono partecipare tenendo vicini i loro figli che fossero di un’età non superiore ai 14 anni.

Rispetto alla vostra decisione di partecipare facciamo esplicita raccomandazione che:

  • le persone potenzialmente a rischio secondo le attuali conoscenze circa le modalità del contagio prestino molta precauzione e cautela nel tornare a partecipare alle funzioni;
  • ognuno dei partecipanti osservi le comuni regole sanitarie già stabilite dal DCPM che regola la possibilità di celebrare con la presenza di popolo della cosiddetta “fase 2”: l’uso di mascherina e guanti, la garanzia di non avere temperatura corporea superiore ai 37,5 ℃ o di presentare i sintomi che lascino sospettare la presenza di un contagio da Covid-19, non essere in quarantena, il rispetto della distanza prevista, l’impossibilità di vivere alcuni gesti liturgici come lo scambio della pace, il ricevere la comunione nelle mani dopo aver eseguito l’igienizzazione delle stesse, ecc…
  • vi teniate puntualmente informati rispetto alla comunicazioni che faremo giungere rispetto a possibili variazioni delle condizioni previste per la partecipazione, oppure rispetto al ripristino o all’orario delle varie funzioni.

S. Maria Assunta

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 134 / esterno (cortile dell’oratorio): max 320
  • Domenica 24 ore 9,00 e ore 11,00 nello spazio esterno del cortile dell’oratorio. Inizio della affluenza regolamentata almeno mezz’ora prima dell’inizio della celebrazione. In caso di maltempo la messa verrà comunque celebrata all’esterno, nel cortile dell’oratorio. La messa delle 11,00 continuerà anche in futuro ad essere trasmessa in streaming. Viene per ora sospesa la messa della domenica sera, mentre quella vespertina del sabato verrà ripresa a partire da sabato 30 Maggio con orario da stabilire.
  • messe feriali: a partire da Lunedì 25, all’interno della chiesa, alle ore 8,30 (nei giorni dal 18 al 23 Maggio continueranno ad essere celebrate le messe in privato nel ricordo delle intenzioni richieste). È sospesa per ora la messa di Collaborazione del martedì sera.

Astori

  • messe feriali riprendono da martedì 19 Maggio ogni giorno 7,30 (max 20 persone)
  • Domenica 24 (e prossime domeniche) ore 7,30 e ore 10,30 (max 40 persone)

S. Marco Ronzinella

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 95 / esterno: max 180
  • Domenica 24 ore 10,00 nello spazio esterno dei campetti nelle piastre di cemento solitamente adibite al gioco della pallavolo e del basket. Inizio della affluenza regolamentata di 2 4 almeno mezz’ora prima dell’inizio della celebrazione. In caso di maltempo la messa verrà comunque celebrata all’esterno.
  • messa feriale e vespertina del sabato per ora sospesa (le intenzioni possono essere ricordate nelle messe del centro, a S. Maria Assunta).

S. Carlo

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 190 (+ 7 in presbiterio) / esterno: max ———
  • Sabato 23 all’esterno (cortile dell’oratorio) con inizio della affluenza regolamentata alle ore 17,00 con inizio della celebrazione ad affluenza terminata (in caso di maltempo la messa verrà celebrata in chiesa con una partecipazione max di 197 persone).
  • messe feriali don Edoardo continua a celebrare alle ore 12,00 (in forma privata)..

Zerman

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 110 / esterno: ———
  • Domenica 24 ore 9,30 all’interno della chiesa (al momento non è possibile garantire una celebrazione all’esterno).

Mazzocco

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 100 / esterno: ———
  • Sabato 23 ore 19,00
  • Domenica 24 alle ore 8,30 e alle ore 11,00

S. Cuore

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 117 + 60 in sagrato all’occorrenza
  • Sabato 23 ore 18,30
  • Domenica 24 ore 8,30 e ore 11,30
  • messe feriali a partire da lunedì 25 Maggio nei giorni e secondo gli orari comuni.

S. Antonio Marocco

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: max 121 / esterno: ———
  • Sabato 23 ore 18,30
  • Domenica 24 ore 10,30 messe feriali a partire da lunedì 25 Maggio con variazione di orario al lunedì che verrà celebrata al mattino alle 8,30 (mentre il giovedì rimane alle 18,30).

Campocroce

  • posti consentiti all’interno alla chiesa: ——— / esterno: max 150
  • Domenica 24 alle ore 10,30 – messa feriale e vespertina del sabato per ora sospesa (le intenzioni possono essere ricordate nelle messe del centro, a S. Maria Assunta).

Per quanto riguarda la celebrazione dei funerali, la possibilità che siano svolti all’interno della chiesa è legata all’arrivo di tutti i dispositivi sanitari e prodotti per l’igienizzazione previsti (in arrivo in questa prossima settimana). L’orientamento assunto dalla Collaborazione è quello di iniziare la celebrazione all’interno delle chiese a partire da lunedì 25 Maggio e, in ogni caso, solo se è possibile per ogni parrocchia assicurare, magari con la collaborazione dei familiari stessi della persona defunta, tutte le condizioni previste per i riti.

Per quanto riguarda la celebrazione degli altri sacramenti, rimandiamo a quanto già espresso nella lettera precedente.

In attesa trepidante di potervi nuovamente incontrare, vi salutiamo con caloroso affetto.

— I vostri preti e religiosi, suore e cooperatrici pastorali.